mercoledì 12 luglio 2017

Washington finanzia missili Patriot alla Romania

Patriot System
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America ha reso nota la decisione del Congresso circa la fornitura di sette sistemi missilistici per la difesa tattica alla Romania. La notizia, diramata dalla Defense Security Cooperation Agency, precisa che si tratta di sette unità Patriot Configuration 3+ complete di radar, stazione di controllo, antenna, stazioni di lancio e centrali elettriche, oltre a 56 missili Patriot MIM-104E Guidance Enhanced Missile-TBM e 168 missili Patriot Advanced Capability-3 Missile Segment Enhancement. Secondo quanto pubblicato dalla stampa internazionale, il contratto, assegnato a Raytheon e Lockheed Martin, non specifica le fasi e i tempi di consegna del lavoro, ma sembra comunque che Bucarest stia cercando di ottenere i sistemi entro il prossimo aprile.

Il contratto, che coinvolgerà circa 40 aziende, comprende l'addestramento e la presenza in loco di tecnici ed esperti statunitensi che dovrebbero rimanere in Romania per tutto il tempo necessario a rendere il personale dell'esercito romeno completamente autonomo. Grazie al sistema Patriot la Romania dovrebbe aumentare significativamente le proprie capacità difensive, proteggendo in tal modo le unità dei paesi NATO che spesso operano all'interno dei propri confini. Lo scorso gennaio il parlamento romeno aveva approvato l'aumento delle spese militari portando il budget annuo per la Difesa al 2% del PIL (circa US$ 4 miliardi), in line quindi con i parametri richiesta dalla NATO e dagli Stati Uniti. La Romania è il quattordici paese che ha deciso di utilizzare il sistema missilistico superficie-aria Patriot: fino ad ora era stato scelto dalle Forze armate di USA, Olanda, Germania, Grecia, Qatar, Spagna, Giappone, Israele, Corea del Sud, Taiwan, Arabia Saudita, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti. (IT log defence) Foto: balkaninsight.com/Darkone